• h4




    Benvenuti da artalea coworking

    Benvenuti nel Coworking di ArTalea Firenze. Siamo on line con il nostro Blog dedicato a voi

La scrittura a mano tra presente e futuro

Pubblicato il 04/04/2017

È vero che i bambini (ma anche gli adulti) stanno perdendo l’abilità di scrivere a mano, soprattutto in corsivo? È possibile migliorare e valorizzarne l’insegnamento a scuola? Qual è l’importanza della scrittura a mano oggi?

A molti sembrerà una preoccupazione superflua, datata, polverosa, quella della perdita del corsivo scritto a mano (che ci frega? dopotutto ci sono i tablet, le tastiere, i comandi vocali), eppure molti esperti sostengono l’importanza del gesto grafico della scrittura per attività come la memoria, la percezione e l’apprendimento.

Attorno a domande simili a queste, qualche mese fa, è ruotato un interessante convegno promosso dall’ACI, che non è l’Automobile Club d’Italia, con cui condivide l’acronimo, bensì l’Associazione Calligrafica Italiana.
Ma c’è un’altra associazione, la SMED, altro acronimo che sta per Scrivere a Mano nell’Era Digitale, che si occupa proprio di questo, di «promuovere lo studio, la conoscenza, l’apprendimento e le buone pratiche relative alla scrittura a mano come componente cruciale dell’alfabetizzazione culturale nell’era digitale», e riunisce calligrafi, educatori ed esperti di disturbi dell’apprendimento ed appassionati della scrittura  a mano.

SMED a sua volta ha cominciato a muovere i suoi primi passi un paio di anni fa a partire da un progetto, Scrittura Corsiva, che si rivolge a insegnanti e genitori e propone un ritorno al corsivo italico, il cosiddetto italic, inventato in Italia durante il Rinascimento e base per tutti i corsivi che si sono sviluppati nel mondo e che esistono ancora oggi.
Paradossalmente nel nostro paese, dov’è nato, a scuola non viene insegnato il corsivo italico, che invece permetterebbe ai bambini di passare naturalmente dalle lettere slegate a quelle legate e poter dunque imparare solo due alfabeti, uno maiuscolo e uno minuscolo, invece dei quattro che vengono insegnati oggi, e cioè stampatello maiuscolo, stampatello minuscolo, corsivo maiuscolo, corsivo minuscolo.

dal blog 

http://www.frizzifrizzi.it/chi-siamo-2/

   *****************************************

Come non sposare le proposte di SMED, ecco quindi un'occasione  a Km 0 da non perdere, 

presso l'Associazione ArTalea

via aretina 246 - Sieci

Martedì 11 aprile alle ore 17.00

Conversazioni intorno alla  scrittura corsiva con Eleonora Ambrusiano, per valorizzare la funzione pedagogica e formativa della scrittura manuale. Dall'incontro, potrà nascere un percorso di formazione per insegnanti, ma anche per tutti coloro che sono interessati a riappropriarsi di questa antica manualità.